Ogni giorno i clienti mi chiedono: ma quanto potranno rendere i miei risparmi nei prossimi 5-10 anni?

Il 3%?, Il 5%?, Il 7% all’anno?

Conviene investire in questo momento oppure è meglio aspettare in quanto i mercati sono ai massimi?

Se avessi queste risposte nel mondo finanziario dove certezze non ve ne sono sarei l’uomo più ricco del mondo.

Tuttavia la storia ci può insegnare molto sul tipo di viaggio che ci accingiamo a fare, per esempio sappiamo che se dobbiamo attraversare una piccola strada di campagna lo potremo fare senza correre particolari rischi, viceversa attraversare una autostrada a 4 corsie con il traffico nell’ora di punta potrebbe costarci la vita.

Nei mercati finanziari è la stessa cosa, effettuare un investimento di qualsiasi genere aspettandosi di avere certezze nel breve termine è come attraversare l’autostrada. Il risultato positivo o negativo è solo frutto di casualità. Ecco perché è fondamentale essere consapevoli del viaggio che ci apprestiamo a fare, con la tranquillità di percorrere l’autostrada nel giusto senso di marcia alla corretta andatura del traffico, consentendoci di arrivare a destinazione senza rischi.

Analizzando la tabella dei ritorni annuali del S&P 500 ovvero l’indice della borsa americana dal 1928 ad oggi, in qualsiasi momento si sia deciso di investire dopo un anno si avrà avuto un risuultato positivo nel 73% dei casi, dopo 5 anni nel 88% dei casi, dopo 10 anni nel 94% dei casi. Dai 20 anni in poi nessuno ha mai perso un dollaro.

Ancora più interessante è il ritorno annuale per decadi prese in esame, dopo la crisi del 1929 si sono susseguite 6 decadi positive pur con in mezzo due guerre mondiali. Di recente la grande crisi dei mercati nel  2000-2009 ha generato successivamente una decade con ritorni molto interessanti.

Ma il mondo finira oggi o continuerà a svilupparsi, a crescere, a riorganizzarsi e produrre utili? La storia ci insegna cosa dobbiamo fare se non vogliamo restare indietro guardando solo dalla finestra:

S&P 500 rendimento cumulativo per decade:

 1930-39: -9%

1940-49: +126%

1950-59: +492%

1960-69: +111%

1970-79: +78%

1980-89: +396%

1990-99: +433%

2000-09: -9%

2010-19: +221%