Il Coronavirus è solo l’ultimo evento che crea grandi timori sui mercati, ma come sono andate le cose durante la diffusione del virus SARS del 2003 che fece 800 vittime? E come hanno impattato i più importanti eventi degli ultimi 90 anni compresa la seconda guerra mondiale sul listino azionario americano che di fatto è il faro per tutte le borse mondiali?


Questa tabella rappresenta le performance anno per anno dal 1928 ad oggi ecco le principali considerazioni:


1) Nel 2003-2004 nel periodo della SARS il mercato salì del 39%
2) Durante la seconda guerra mondiale la borsa fece +100%
3) Dopo un periodo di borsa negativa c’è stato quasi sempre un anno particolarmente positivo che ha recuperato in tutto o in buona parte la perdita.
4) Se prendiamo brevissimi periodi di un anno, i risultati sono stati positivi nel 73% dei casi
5) Se il segmento di periodo sale a 5 anni, i risulati sono stati positivi nel 88% dei casi, che salgono al 94% su 10 anni e al 100% su 20 anni.
6) Nel peggiore segmento a 10 anni, la perdita è stata del 15% mentre il decennio migliore ha generato il +525%
7) Con un orizzonte ultra ventennale nessuno ha mai perso soldi con la borsa.
8) Nel periodo recente il decennio peggiore è stato il 2000-2009, ma chi avesse correttamente diversificato la parte azionaria con un portafoglio bilanciato con obbligazioni oro e commodities avrebbe in ogni caso guadagnato.
9) Chi avesse definito un orizzonte temporale ultra generazionale ad esempio a 30 anni, avrebbe ottenuto da 9 a 46 volte il capitale iniziale investito.


Indipendentemente dai virus di turno, ciò che premia l’investitore è la consapevolezza di avere un portafoglio robusto correttamente diversificato per segmenti di rischio, oltre ad effettuare la manutenzione per ribilanciare periodicamente le asset class con la logica del mean to reversion.

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.